Un’Ora Solare gelata con Amelio Mazzella su TV2000
Il Presepe di Ghiaccio più grande d’Italia a Gaeta fino al 14 gennaio 2024
Inaugurato, a Gaeta, il Presepio Marinaro animato dell’Associazione Culturale “Gaeta e il Mare”
Inaugurata l'8ª edizione del Villaggio Incantato di Babbo Natale a Gaeta
Balletto natalizio ispirato a
Carlo Bernari, una cerimonia per celebrare la sua figura di artista e di uomo
Il Sindaco Leccese accoglie in comune una scolaresca di Frontignan, comune gemellato con Gaeta
Il nuovo Palasport di Via Venezia diventa realtà!
Gaeta in salute. Sanità e territorio, una sinergia indispensabile. Breast Unit: una sanità al femminile
Porte aperte a Santa Lucia!
Al via la VIII edizione del Festivaldeigiovani® - Studenti da tutt'Italia per confrontarsi sul presente e sul futuro
A Gaeta arriva EasyPark: l’app per la sosta più diffusa in Italia
  • 1
  • 2
  • 3

“Via Appia. Regina Viarum”, il Comune di Gaeta tra i sottoscrittori del protocollo di intesa per la candidatura UNESCO

Condividi

Gaeta, 10 gennaio 2023 – Si è tenuta nella mattinata odierna a Roma, presso le Terme di Diocleziano, la cerimonia della firma del Protocollo di intesa per la candidatura del sito “Via Appia. Regina Viarum”, per l’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO.

La Città di Gaeta, rappresentata nella Capitale dal Sindaco Cristian Leccese, è uno dei 73 Comuni sottoscrittori del progetto, insieme alle Regioni Lazio, Campania, Basilicata e Puglia, 12 Province (tra cui quella di Latina) e Città metropolitane, 15 Parchi, la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra e 25 università italiane e straniere.

Gli altri comuni pontini interessati dal passaggio della “Regina Viarum” sono Cisterna di Latina, Latina, Norma, Sermoneta, Sezze, Pontinia, Terracina, Monte San Biagio, Fondi, Itri, Formia e Minturno.

Alla cerimonia sono intervenuti: il Sottosegretario di Stato al Ministero della Cultura, Giancarlo Mazzi; il Presidente della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, Mons. Pasquale Iacobone; il Presidente della Ragione Basilicata, Vito Bardi; il Presidente vicario della Regione Lazio, Daniele Leodori; l’Assessore al Turismo della Giunta Regionale Campania, Felice Casucci; il Consigliere Regionale della Regione Puglia, Grazia Di Bari; l’Assessore alla Cultura di Roma Capitale, Miguel Gotor.

Gli interventi sono stati introdotti dalla Direttrice del Servizio UNESCO del Ministero della Cultura, Mariassunta Peci, e dal saluto del Direttore del Museo Nazionale Romano, Stephane Verger. Prima della presentazione della candidatura da parte della Direttrice del Comitato tecnico-scientifico, Angela Maria Ferroni, è stato inoltre proiettato un promo del documentario RAI “Via Appia, Regina Viarum”.

La strada consolare, circa 900 km di tracciato da Roma a Brindisi inclusa la variante traianea, che collega Brindisi a Benevento, rappresenta non solo il prototipo del sistema viario romano, ma è anche simbolo millenario delle relazioni tra le civiltà del Mediterraneo e quelle dell’Oriente e dell’Africa.

L’eccezionale rilevanza culturale della Via Appia antica che, con le sue ben conservate testimonianze infrastrutturali, archeologiche architettoniche, funerarie e civili rappresenta un fenomeno non solo culturale, ma geografico e politico di eccezionale importanza, impone la necessità di conservarne l’eccezionale valore universale per le generazioni presenti e future.

Per sostenere la candidatura dell’Appia, il Ministero della Cultura, promotore del progetto, sta investendo nel restauro e nella valorizzazione di evidenze archeologiche e architettoniche situate lungo il percorso, con l’obiettivo di coniugare le ragioni della conservazione e valorizzazione di questo importante patrimonio con lo sviluppo sostenibile dei territori coinvolti, per rafforzare l’offerta culturale, fondamentale per la crescita sociale ed economica soprattutto delle aree interne.

Dopo la valutazione del Consiglio direttivo della Commissione Nazionale Italiana UNESCO, il dossier scientifico, accompagnato dal Piano di gestione del sito candidato, sarà inviato a Parigi.

«Appena ricevuta la proposta da parte del Ministero della Cultura – ha spiegato il Sindaco, Cristian Leccese – in merito al processo di candidatura della Via Appia Antica per l’iscrizione nella lista del Patrimonio Mondiale UNESCO, abbiamo immediatamente dato la nostra disponibilità ad aderire al progetto “Via Appia. Regina Viarum”, e a promuovere tutte le iniziative utili e necessarie al più soddisfacente raggiungimento dell’obiettivo prefissato. Stiamo, infatti, già collaborando fattivamente per produrre la documentazione da presentare, la stesura del dossier scientifico e l’elaborazione del piano di gestione. Crediamo sia necessario tutelare e valorizzare dal punto di vista urbanistico, paesaggistico e socio-economico i territori interessati, facendo rete attraverso la promozione del patrimonio archeologico, storico, artistico, architettonico e paesaggistico, culturale immateriale e naturale. La nostra storia rappresenta le nostre radici, il nostro passato ci aiuta a vivere e conoscere il nostro futuro!».

Monumento gigantesco dell’ingegneria stradale, la via Appia, fatta realizzare dal censore Appio Claudio nel 312 a.C., esibisce ancora in molti tratti la perfezione tecnica delle pavimentazioni, la grandiosità dei ponti, delle sostruzioni, delle tagliate e delle innumerevoli altre opere infrastrutturali e di bonifica idraulica. Il significato storico e culturale della via Appia e dei suoi monumenti ha fatto sì che la via sia diventata un simbolo carico di valore che studiosi e artisti, con le loro opere, hanno contributo a mantenere vivo e accrescere fin dal Rinascimento. Ancora oggi le comunità residenti mostrano un elevato senso di appartenenza nei confronti dell’antica strada, pienamente consapevoli della sua importanza.

Tracciata per esigenze militari, l’Appia divenne subito strada di grande comunicazione commerciale e di primarie trasmissioni culturali; l’appellativo di “Regina Viarum” che il poeta Stazio le dedicò testimonia tutte le valenze politiche, propagandistiche, economiche e sociali che le valsero la sua millenaria fortuna.

Visualizzazioni: 282