Un’Ora Solare gelata con Amelio Mazzella su TV2000
Il Presepe di Ghiaccio più grande d’Italia a Gaeta fino al 14 gennaio 2024
Inaugurato, a Gaeta, il Presepio Marinaro animato dell’Associazione Culturale “Gaeta e il Mare”
Inaugurata l'8ª edizione del Villaggio Incantato di Babbo Natale a Gaeta
Balletto natalizio ispirato a
Carlo Bernari, una cerimonia per celebrare la sua figura di artista e di uomo
Il Sindaco Leccese accoglie in comune una scolaresca di Frontignan, comune gemellato con Gaeta
Il nuovo Palasport di Via Venezia diventa realtà!
Gaeta in salute. Sanità e territorio, una sinergia indispensabile. Breast Unit: una sanità al femminile
Porte aperte a Santa Lucia!
Al via la VIII edizione del Festivaldeigiovani® - Studenti da tutt'Italia per confrontarsi sul presente e sul futuro
A Gaeta arriva EasyPark: l’app per la sosta più diffusa in Italia
  • 1
  • 2
  • 3

Gaeta, Disturbi dello spettro autistico: corsi di formazione e Light it up blue

Condividi

Gaeta, 29 Marzo 2024 In occasione della Giornata Internazionale della consapevolezza dell’autismo, voluta dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per il giorno 2 aprile, l’Amministrazione Comunale di Gaeta, in collaborazione con l’Associazione LiberAutismo Aps e con il patrocinio dell’Università Degli Studi di Cassino, anche quest’anno aderisce alla campagna di sensibilizzazione ed informazione sui “disturbi dello spettro autistico”. Nella circostanza il palazzo comunale ed il campanile saranno illuminati di blu. Inoltre, in collaborazione con l’ente di formazione “Eurosofia”, organizzano la IV edizione del corso di formazione gratuito, tenuto dalla dott. Rosaria Benincasa, psicologa, dal titolo “Costruire il progetto di vita”.

L’iniziativa, che si svolgerà martedì 16 aprile ore 15:00, presso il Castello Angioino di Gaeta, mira alla sensibilizzazione e all’informazione sulle problematiche legate ai disturbi dello spettro autistico e ai disagi vissuti dalle persone che ne soffrono e dai loro familiari. Inoltre, verrà affrontata la tematica analizzando, con un approccio scientifico, lo stato della ricerca e le nuove teorie sul fronte della diagnosi e delle terapie. Al termine del corso di formazione, rivolto a dirigenti scolastici, docenti, pediatri, psicologi, pedagogisti, operatori del settore socio-sanitario, educatori e genitori, verrà rilasciato gratuitamente l’attestato di frequenza da Eurosofia, Ente Italiano di Formazione Europea Professionale e di Ricerca, soggetto accreditato dal MIUR per l’erogazione della formazione del personale scolastico ai sensi della direttiva 170/2016.

Il sindaco Cristian Leccese afferma che “Per la nostra Amministrazione l’azione di sensibilizzazione sui disturbi dello spettro autistico merita una costante attenzione e ciò si traduce quindi, nella promozione ed organizzazione dei seguenti corsi formativi, finalizzati al miglioramento della qualità della vita e del benessere della persona, in particolare per chi vive una condizione di maggiore vulnerabilità.

La presentazione sarà curata dalla vice sindaca, con delega alla Pubblica Istruzione, Gianna Conte, che sostiene “la divulgazione delle buone prassi e delle conoscenze scientifiche sono un altro aspetto fondamentale, per questo il Comune di Gaeta organizza l’evento formativo in collaborazione con l’associazione LiberAutismo: uno sguardo attuale su comunicazione e abilità di gioco, abilità accademiche, autonomie personali e abilità sociali; La nostra attenzione è rivolta anche alla costruzione del futuro di ogni singolo ragazzo a conclusione del proprio percorso di studi”.

La Referente di LiberAutismo Laura de Fabritiis aggiunge che “Il significato di questa giornata è quello di portare l’attenzione su un disturbo che richiede conoscenza, cooperazione, individualizzazione, presa in carico globale. Il convegno di quest’anno si focalizza sulle azioni necessarie per condurre la persona con autismo verso una vita più autonoma, dignitosa e per offrire una via da seguire alle persone che a diverso titolo si occupano della loro educazione durante tutta la vita: la famiglia, la scuola, gli enti preposti. Pensare in un’ottica interdisciplinare e in chiave sociosanitaria è una strada necessaria. Bisogna altresì enucleare il significato di inclusione e condividerlo con tutti gli attori degli interventi educativi, riabilitativi e socio-assistenziali del progetto di vita.”

Visualizzazioni: 239