Gaeta, il fascino, il sogno, la bellezza
Il Memorial Calise: presentazione in aula consiliare
Una Vita per l'Arte: premiati Linde e Francois Burkhardt
Piazza Vincent Capodanno: Leccese tra gli applausi parla di politiche del turismo e del lavoro
La ciminiera ponte tra Natura e Cultura
Ecco il museo civico interno alla Torre di Piazza XIX Maggio
Anche una  delegazione della Lilt Gaeta oggi a Sabaudia per il Trofeo Nazionale Dragon Boat
Videocolonscopio pediatrico donato al
Una villa comunale rinnovata
Il progetto “Io e l’acqua – nuotare in sicurezza. Per evitare un mare di guai” sbarca a Gaeta
Riqualificazione interna al quartiere di Serapo/Fontania
Gira l'Italia in monopattino: Giusto fa tappa a Gaeta
1° Summit Blue Forum Italia Network: a Roma la presentazione ufficiale dell'evento
Allestimento museale del mare: l'inaugurazione presso il Palazzo della Cultura
Via Fontania: interventi di riqualificazione
  • 1
  • 2
  • 3

Al Bar La Villa di Gaeta presentato “Chiara è qui” di Annamaria Fico

Condividi

“Chiara è qui”, il libro di Annamaria Fico, edito da deComporre, è stato presentato ieri a Gaeta presso il Bar La Villa di Antonietta e Luciano Ciaramella. Sono intervenuti, con l’autrice e l’editrice Sandra Cervone, il cantautore Antonello Musto, la scrittrice Tinnì Sequino e la giovanissima Lucilla.  L’occasione è stata propizia per lanciare un messaggio d’amore per la vita e per ricordare Chiara Grizzo, a sette anni dalla sua scomparsa.  La ragazza, solare e sempre sorridente, appassionata di danza e musica, viene infatti ben raccontata nel libro che la madre ha voluto pubblicare con tante foto che la ritraggono bambina e adolescente, circondata dagli affetti più cari, dai tanti amici, dagli allievi delle Scuole di danza che ha frequentato.

“Chiara è qui” è un libro che, pur partendo da un immenso dolore, riesce a conquistare il lettore e a rasserenarlo, a fare della forte emozione un invito alla speranza consapevole. Annamaria Fico, madre coraggiosa, ha voluto che il ricavato delle vendite andasse in beneficenza alla Pediatria dell’ospedale Dono Svizzero di Formia. Hanno commosso il pubblico anche le canzoni di Antonello Musto e la testimonianza di Lucilla, amica del cuore di Chiara. La scrittrice Tinnì Sequino ha parlato invece dell’importanza della “scrittura trasformativa” che riesce ad operare una vera rivoluzione nel “sentire” di chi scrive e chi legge, chi “dona attraverso la scrittura il proprio vissuto e chi, leggendo, lo accoglie e lo rielabora per la propria crescita e rinascita”.

Visualizzazioni: 290
a cura di: M.P.