Proclamazione del lutto cittadino per l’ex Sindaco Quirino Leccese
Musolino:
Finalmente diventerà realtà! Nella giornata di ieri buttato giù una parte del muro della Ex Panapesca dove sorgerà il nuovo centro commerciale.
SALUTI DEL SINDACO COSMO MITRANO NEL CORSO DEL 50° COMPLEANNO DELLA
Presentato ieri in Aula Consiliare il calendario fotografico
Sciuscio e luminarie artistiche della città di Gaeta
Dal 28 dicembre 2020 l’agenzia territoriale di Formia sarà operativa nel nuovo stabile dell'ex Tribunale di Gaeta.
La Scuola di Danza
Gli Auguri dell'Associazione Ernesto!
Gaeta, presentazione del vademecum Superbonus 110%
Più di 8milioni di € impegnati dal 2018 ad oggi dal Distretto Socio-Sanitario LT/5 per le attività e servizi a favore delle fasce deboli.
GAETA: GRANDE SUCCESSO PER L’INIZIATIVA DEDICATA AI DIRITTI DEI BAMBINI
TANTI COLORI, TANTI DIRITTI!
  • 1
  • 2
  • 3

Più di 8milioni di € impegnati dal 2018 ad oggi dal Distretto Socio-Sanitario LT/5 per le attività e servizi a favore delle fasce deboli.

Condividi

Gaeta, 5 dicembre 2020. Il Distretto Socio-Sanitario LT/5, dal 21 settembre 2018 ad oggi, da quando il Comune di Gaeta è diventato capofila, ha impegnato più di 8milioni di €: di cui più di 7milioni € di fondi riprogrammati (fondi del Distretto Socio-Sanitario LT/5 trasferiti dal precedente Comune capofila Formia), a cui si aggiungono altri 2milioni di € circa dai fondi annuali assegnati della Regione Lazio ed altri Enti finanziatori in via ordinaria come il Ministero del Lavoro e Politiche Sociali.

“Un risultato importantissimo – commenta il Sindaco Cosmo Mitrano – che intendo condividere con tutti i colleghi Sindaci dei comuni che compongono il Distretto Socio-Sanitario LT/5. Questa è la conferma di come la capacità di programmazione ed il lavoro di squadra, permettono di concretizzare iniziative ed azioni a sostegno soprattutto delle fasce sociali più fragili e vulnerabili del nostro territorio. Dal 21 settembre 2018, da quando Gaeta ha assunto il ruolo di comune capofila, siamo riusciti a sbloccare le tante risorse immobilizzate che non venivano utilizzate riuscendo a dare, finalmente, un cambio di marcia. Per rispetto di tutti i destinatari dei provvedimenti ed azioni di assistenza e sostegno, non dovevamo più perdere tempo ed oggi, i fatti, ci danno ragione.

Attraverso una programmazione puntuale abbiamo destinato: 3milioni e 501mila € all’area disabilità; 907mila € circa a sostegno dei minori; abbiamo colmato quella distanza territoriale con le comunità delle isole ponziane stanziando 112mila € circa per i centri socio-assistenziali delle isole di Ponza e Ventotene; 1milione e 100mila € circa sono stati destinati al contrasto alla povertà soprattutto in un momento storico che vede purtroppo una crescente richiesta di aiuto; 1milione e 900mila € circa sono stati stanziata ad un’altra fascia sociale particolarmente fragile, l’area anziani potenziando soprattutto l’assistenza domiciliare; 880mila € per i servizi sociali comunali, il Punto Unico di Accesso, l’Ufficio di Piano Distretto LT/5. Siamo consapevoli che possiamo e dobbiamo fare ancora di più per non lasciare indietro nessuno. Con il prezioso supporto degli uffici – conclude Mitrano – riusciremo ad affrontare, con altrettanta tempestività e serenità, la pianificazione e la realizzazione dei prossimi interventi da mettere in campo”.

Il principale sostenitore del cambiamento, al momento di individuare Gaeta come Comune capofila subentrando a Formia, fu il Sindaco di Minturno Gerardo Stefanelli quale commenta positivamente l’evidente capacità di riprogrammazione delle risorse economiche del Distretto Socio-Sanitario LT/5 finalmente impegnate e non più lasciate ferme senza essere utilizzate.

“Quando appoggiai questo cambiamento – commenta Stefanelli – partivo dalla convinzione che occorreva capacità di programmazione, chiarezza e velocità nell’impiego delle risorse. Gaeta, in questa fase storica, ha dimostrato di avere tutte quelle capacità amministrative necessarie alle finalità del Distretto Socio-Sanitario LT/5. Parliamo della gestione comprensoriale di ingenti risorse economiche necessarie al fabbisogno di un vasto territorio.

Abbiamo avuto la forza di andare contro le strumentalizzazioni demagogiche e campanilistiche portando avanti la migliore scelta per tutti i cittadini e per le fasce deboli del nostro comprensorio. Un’esperienza che secondo noi rappresenta il vero cambiamento della politica andando oltre le barricate ideologiche. Non ci fermiamo qua – conclude Stefanelli – è nostra intenzione, infatti, invitare la Regione Lazio ad un ragionamento sul cambiamento della tipologia di spesa sociale”.

Visualizzazioni: 281
a cura di: Andrea Brengola Addetto Stampa