Videocolonscopio pediatrico donato al
Il progetto “Io e l’acqua – nuotare in sicurezza. Per evitare un mare di guai” sbarca a Gaeta
Riqualificazione interna al quartiere di Serapo/Fontania
Gira l'Italia in monopattino: Giusto fa tappa a Gaeta
1° Summit Blue Forum Italia Network: a Roma la presentazione ufficiale dell'evento
Allestimento museale del mare: l'inaugurazione presso il Palazzo della Cultura
Via Fontania: interventi di riqualificazione
Restauri di monumenti religiosi di proprietà comunale
Lungomare Caboto (incrocio tra il Lungomare Caboto e Via Calegna e intersezione tra Lungomare Caboto e Corso Cavour)
Gaeta, le 100 meraviglie (+1)
Gaeta Città della Salute
Il Lungomare Caboto centro storico, passeggiata degli innamorati!
Un Quartiere turistico ancora più bello: Serapo-Fontania-Catena
Finanziamenti per migliorare i servizi a Gaeta
  • 1
  • 2
  • 3

‘Ndìchele Festival “A Mu. So. Duro” IV edizione

Condividi

Gaeta, 04 Aprile 2022. Giunge alla IV edizione il Festival ‘Ndìchele che, dal 2021, rientra nell’albo regionale dei Festival del Folklore del Lazio. Ogni edizione ricca di eventi e con profonde radici nelle tradizioni del territorio, ha portato alla luce, attraverso la musica e l’arte, aspetti del mondo popolare e delle tradizioni locali e di tutto il centro-sud Italia, dando voce a competenze ed eccellenze del Golfo di Gaeta. Quest’anno il Festival pone la sua attenzione ai temi sociali. “A Mu.So. duro” dove “Mu.” sta per Musica e “So.” sta per Sociale, è un contenitore socio-culturale che, attraverso l’arte, accende un faro su diversi aspetti della vita sociale: dall’infanzia, alle disabilità, alle donne, al tema del lavoro e al recupero di antichi mestieri.

La direzione artistica è di Valentina Ferraiuolo, presidente di Tamburo Rosso APS che, attenta e impegnata da sempre ai temi della non violenza e discriminazione, della parità di diritti e sensibile ai temi delle disabilità, ha organizzato appuntamenti in cui ogni categoria può trovare la sua dimensione di espressione. Grazie all’attenzione e alla pronta partecipazione (a supporto del grande impatto sociale del Festival), del Sindaco Cosmo Mitrano e della Delegata alle Politiche Sociali, Lucia Maltempo, sono stati resi possibili momenti dedicati alle categorie più disagiate e discriminate. Una rete collaborativa in cui arte e sociale sono facce di una stessa medaglia. A coadiuvare tutto, la musica ed il suo potere inclusivo e il recupero delle tradizioni che mira a fortificare un’identità sociale e culturale in cui il singolo cittadino si sente invece parte di un sistema organico e accessibile.

Il Festival si sviluppa in tre momenti aventi ognuno un suo tema specifico e attività specifiche. A partire dal 22 aprile fino all’8 maggio, il Festival proporrà laboratori, workshop, visite guidate, spettacoli, concerti, mostre e presentazione di libri, mirando a valorizzare il centro storico di Gaeta Medievale e al tempo stesso offrendo attività accessibili a tutti. Cuore del Festival, l’Auditorium Santa Lucia, oggi Scuola di Musica e Arte Popolare di Tamburo Rosso. Tra le finalità c’è quella di valorizzare il Borgo Medievale di Gaeta fatto di storia, tradizione, siti d’arte, musica, enogastronomia d’eccellenza e artigianato, attraverso una proposta accattivante e pronta a esaudire le esigenze di un turismo bisognoso di vivere esperienze culturali in sicurezza e ben organizzate. Mostrare un volto e una possibilità di turismo ad alto impatto culturale è probabilmente l’aspetto su cui si pone l’attenzione. Il progetto si avvale della collaborazione delle strutture ricettive presenti nel borgo (b&b, residence, ristoranti e pizzerie). L’allestimento di stand e piccole botteghe di prodotti di artigianato e gastronomia locale, servirà a dare continuità alle varie attività e performance previste. Attraverso ‘Ndìchele Festival si vuole rappresentare un primo passo verso una più completa valorizzazione del patrimonio di storia, arte e tradizione di cui è ricco il territorio del Golfo di Gaeta. Passeggiare tra i vicoli del borgo ed essere protagonisti di attività che rappresentano il nostro artigianato, la nostre arte culinaria, nonché il nostro altrettanto prezioso patrimonio di musica e arte popolare, uniti alla possibilità di essere spettatori di spettacoli dal vivo, allestiti all’aperto, con panorama mozzafiato e in totale sicurezza, o di poter lasciar giocare i propri figli per le vie del Borgo, interdette al traffico, e farli partecipare ai laboratori per loro organizzati, permette di rafforzare la ripresa del territorio, di aggiungere una proposta turistica e sociale di alto impatto e livello per ogni tipologia di utenza.

Si invita a consultare il programma dettagliato: Programma

Visualizzazioni: 289