Presentato ieri, il libro di Filippo Di Cuffa
Stop agli stereotipi, “In ogni donna c’è una dea”. Al via il nuovo progetto Desert Miraje® per le donne
Flash Mob contro la violenza di genere a cura de
Alberi della vita contro ogni violenza
IOLEGGOPERCHE': GEMELLAGGIO CULTURALE GAETA - PACENTRO
Per la prima volta a Gaeta “Van Gogh – the Virtual Experience
Anakrousis, canti e suoni tradizionali lungo la rotta di Enea, l'evento conclusivo.
A GAETA SOTTOSCRITTO IL PRIMO PROTOCOLLO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI ADOTTATI
Babbo Natale apre a Gaeta le sue
Gli Ori olimpici Ruggero Tita e Caterina Banti ricevono l’attestato di riconoscimento al Merito Sportivo dal Sindaco di Gaeta
Al via la VI Edizione di
Al via la nuova edizione di Tamburellando
L'Assessore ai Lavori Pubblici Angelo Magliozzi fa chiarezza sul progetto delle piste ciclabili
“Gaeta Brilla” e la magia della scienza, il campo STEM de “Il Cielo Itinerante” 25 - 29 ottobre
“Favole di Luce”, la presentazione della 6° edizione. Grande novità: le proiezioni artistiche sulla Divina Commedia che illuminano i monumenti, i bastioni ed il castello Angioino della città!
  • 1
  • 2
  • 3

A GAETA SOTTOSCRITTO IL PRIMO PROTOCOLLO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI ADOTTATI

Condividi

Il Centro per le Adozioni Internazionali e Comune di Gaeta, unitamente agli Istituti Scolastici del territorio, hanno sottoscritto, martedì 9 novembre 2021, in aula consiliare il “Protocollo per09 il diritto allo studio degli alunni adottati”.

A Gaeta sottoscritto il primo protocollo per il diritto allo studio degli alunni adottati

La sottoscrizione dell’accordo è stata presieduta dal Sindaco Cosmo Mitrano, il quale ha manifestato il suo apprezzamento nei confronti di questo importante documento che costituisce un valore aggiunto al lavoro svolto in questi anni dal Centro Adozioni e il Comune di Gaeta.

Protocollo per il diritto allo studio degli alunni adottati. Foto di Cosmo Di Schino

Hanno inoltre partecipato l’Assessore alla Pubblica Istruzione Gianna Conte, l’avv. Alessia Maria Di Biase referente del Centro Adozioni e i Dirigenti Scolastici: prof.ssa Maria Rosa Valente, per l’ ITN “Caboto”;  prof.  Pasquale Mirone,  per l’ I.I.S.S “Fermi”; prof.ssa Pierangela Ronzani, per l’I.C. “P. Amedeo”; prof.ssa Filomena Liberti per l’I.C. “G. Carducci”. È intervenuta, in conclusione, il notaio Fabrizia Scalabrini.

Dall’incontro è emerso che la sottoscrizione di uno specifico protocollo dedicato all’inserimento scolastico degli alunni adottati si rende necessaria per supportare le numerose famiglie adottive del territorio e i loro figli nell’ingresso di una nuova comunità sociale e scolastica.

Inoltre, nonostante gli alunni adottati siano ormai presenti in quasi tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, spesso queste stesse istituzioni sono risultate impreparate all’accoglienza e alla gestione amministrativa.

Protocollo per il diritto allo studio degli alunni adottati. Foto di Cosmo Di Schino

La scuola, rappresenta la prima e importante istituzione con la quale le famiglie e i bambini devono confrontarsi e occorre considerare che alla condizione adottiva non corrisponde un’uniformità di situazioni, e quindi di bisogni, e che i bambini adottati possono essere portatori di condizioni molto differenti tra loro.

E’ altresì importante che la scuola comprenda la differenza tra un alunno straniero, che vive in Italia con la sua famiglia di origine e un alunno adottato internazionalmente, il quale, seppur di origine straniera vive una situazione emotiva completamente diversa.

L’incontro si è concluso con l’impegno da parte di tutti i Dirigenti Scolastici a costituire una scuola sempre più accogliente, a misura dei bisogni specifici di ciascun alunno, con particolare attenzione agli studenti adottati.

Una copia del documento è disponibile in consultazione anche presso la Biblioteca Comunale “Salvatore Mignano”.

Visualizzazioni: 217